Tango.it in english language
Tango.it en lengua espa˝ola
Tango.it en langue franšaise
Tango.it in der deutschen sprache
Tango.it in hungerian language (work in progress)
login password
sito personale di Giorgio e Monica
sito personale di Giorgio e Monica
HomeCHIDOVECOSAQUANDOPERCH╔INFO

chi siamo
forum
stampa
link
collabora
credits
help
Tango.it in english language
Tango.it en lengua espa˝ola
Tango.it en langue franšaise
Tango.it in der deutschen sprache
Tango.it in hungerian language (work in progress)

Cos'Ŕ il tango?
Marta Cherubini - 12-01-04 h:19.0
Cos'Ŕ il tango? Durante uno spettacolo di tango a cui ho recentemente assistito, questa domanda veniva posta al pubblico. Le risposte sono state molte e diverse e certamente ognuno di noi ha una propria chiave di lettura perchÚ ci˛ che ciascuno vede nel tango, al di lÓ di considerazioni pi¨ generali e storicamente condivise, Ŕ il riflesso delle proprie esperienze, delle personali proiezioni simboliche,dell'unicitÓ della propria anima. Non esiste veritÓ, dicevano i Sofisti, e se pure esistesse non potremmo conoscerla e se la conoscessimo non potremmo comunicarla agli altri.... Qual Ŕ, allora, la nostra VeritÓ sul tango? Sarebbe interessante usare questo Forum per raccontarci come ognuno di noi vive il suo mondo di tango..... Per me, ad esempio, il tango Ŕ soprattutto una ricerca, Ŕ tutto ci˛ che non si pu˛ raggiungere, Ŕ l'esasperazione del desiderio. E' qualcosa che trova la propria essenza nel poter essere tutto e non essere mai ... Se fosse una figura retorica, sarebbe un ossimoro. Se fosse un vino sarebbe l'uva. E' una regione di confine, Ŕ uno sguardo oltre, Ŕ l'eterno domani. E' l' "ermo colle" che si illude di infinito, Ŕ il traguardo che sta sempre un passo avanti a noi, Ŕ l'eco della felicitÓ che senti solo quando Ŕ giÓ lontana. E l'ansia dell'inconoscibile, Ŕ la nostalgia dell'assoluto, Ŕ Orfeo che non volge il capo, il sogno intatto di Euridice, Ŕ la linea dell'orizzonte "porta delle conoscenze inaccessibili", E' teatro, dove la sola veritÓ Ŕ la certezza della finzione, perfezione fragile di un caleidoscopio, acqua di mare che lascia insaziata la sete, linea sottile che separa il desiderio dal piacere, voce di tutte le assenze, preghiera che non conosce la sorditÓ di dio.
- cos'Ŕ il tango ?
mimmo - 17-03-04 h:12.0
Cara Marta , mi sento di poter condividere il tuo pensiero , ma anche di aggiungere che questa danza pu˛ regalare emozioni a ciascuno di noi , sia x chi la balla e sia nel rapporto tra due persone dal carattere diverso , ma che iniseme si completano l 'uomo e la donna ... apresto .
- meglio tardi che mai
marta - 07-11-04 h:23.0
Ti rispondo con questo imperdonabile ritardo perchÚ solo oggi ho ripreso il "contatto" con internet. Non c'Ŕ dubbio che il tango regali emozioni, direi piuttosto che il tango E' un'emozione. Un'emozione perfetta che addenta l'anima.Forse Ŕ proprio il fatto di non poter essere vissuta da soli ci˛ che la rende cosý intensa. Il raggiungimento di un intesa profonda anche solo per i pochi minuti di un ballo, Ŕ condizione irrinunciabile perchÚ la magia si compia. Non basta muovere le gambe a ritmo, non basta conoscere le figure e i passi......ci vuole di pi¨. Molto di pi¨.
- cosŔ il tango
clara - 17-12-04 h:08.0
Sono una appasionata del tamgo argentino, della musica del tango argentino, delle origine del tango argentino. Mi piace la sua lanquida nostalgia fatta di sogni impossibili da realizzare non perchŔ impossibili - ma per non avere i mezzi economici professionali umani per impedimenti sociali per poca "fortuna" per il "fato" anche a volte per paura di realizzare i sogni per poca fiducia in se stessi per mancanza di sprono -, musica che evoca l'eros, ballo di emozioni sottili gentili evocativi, atmosfere che evocano profumi ancenstrali, la mente che si prepara alla serata in milonga, bogno con sali corpo umettato con creme e profumi, abito "nero?" per la serata sensuale ma non volgare, indossare le calze autoreggenti con effetto vedo non vedo, gocce di profumo alla base del colle ai polsi nelle pieghe delle braccia alla base del seno sull'ombelico, prendere l'auto ed raggiungere la milonga, salire le scale Ŕ giÓ la musica di avvolge, entrare togliersi il cappotto mettersi le scarpe per il ballo, siedi in attesa dell'invito e ti vedi giÓ in pista a ballare, tre minuti di quel mondo che vorresti sulla terra braccia forti che ti sostengono ma che dolcemente ti guidano che ti invitano a creare passo dopo passo la magia Ŕ cosý inizia una avventura che ti appaga corpi rispettosi sinuosi che all'unisono volano dove la loro fantasia creativitÓ voglia portarli. L'uomo e la donna finalmente empatici finalmente veri finalmente fuori dalla banalitÓ della realtÓ che ci circonda finalmente liberi di sognare finalmente noi....!!!!.....????? veri autentici con le nostre grandezze e le nostre piccolezze..... NOI NOI NOI Ciao Clara