Tango.it in english language
Tango.it en lengua española
Tango.it en langue française
Tango.it in der deutschen sprache
Tango.it in hungerian language (work in progress)
login password

HomeCHIDOVECOSAQUANDOPERCHÉINFO

Articoli
Poesie
Rubriche
Stampa
Tango.it in english language
Tango.it en lengua española
Tango.it en langue française
Tango.it in der deutschen sprache
Tango.it in hungerian language (work in progress)

 Articolo...

Tango e mailing list - intervista a Enrico Massetti

a cura di:Piero Leli

Le mailing list rappresentano un mezzo per mettere in contatto, tramite Internet, persone con interessi in comune.

La mailing list (lista postale, in italiano) è caratterizzata da una centrale e da iscritti registrati, tutti dotati d´indirizzo di posta elettronica. L´iscrizione è possibile tramite una homepage oppure inviando un´email con determinate parole, per lo più in inglese (subscribe, subsingle).

Per disiscriversi, il procedimento è simile.

La caratteristica della mailing list è di moltiplicare il messaggio ricevuto dal singolo iscritto per inviarlo a tutti gli indirizzi registrati, compreso colui che ha inviato il messaggio: in questo modo lo scrivente verificherà su se stesso che il messaggio è arrivato a destinazione.

Molte aziende informatiche presenti su Internet consentono la realizzazione di m.l. senza spese evidenti, inserendo però nei messaggi una frase pubblicitaria.

Attualmente ci sono diverse list di Tango Argentino: sicuramente quella con più iscritti è TANGO-L, internazionale in lingua inglese, con la sorella minore TANGO-A. La prima è la vera list di discussione su argomenti culturali legati al tango, la seconda serve ad informare su iniziative tanguere: stage, serate. Gli iscritti a queste liste sfiorano il migliaio.

In lingua inglese ci sono anche ATOF, argentine tango open forum (sulla falsa riga di Tango-L, ma con molti meno iscritti e messaggi) e Floridatango, caratterizzata geograficamente.

Liste in lingua spagnola, o meglio castigliana, sono Cueva Tango (250-300 iscritti) e Tangazo (45-50 iscritti), entrambe abbastanza movimentate come messaggi: la conoscenza anche parziale della lingua è fondamentale, come del resto per quelle in inglese.

Di liste in italiano, quella storica è TangoItalia di Enrico Massetti. Per saperne qualcosa in più, proviamo a chiederlo direttamente ad Enrico.

Piero. Allora, chi è Enrico Massetti e da quando s´interessa di tango?

Enrico. Sono un italiano, milanese, che vive da 16 anni in Florida. Tre anni fa ho cominciato a ballare il tango. Il mio lavoro mi porta a visitare molte città, e mi lascia tempo a disposizione per annoiarmi da solo, cosa fare di meglio che cercare un po´ di tango per riempire la serata?

P. Quando ti è venuta l´idea di creare TangoItalia e a chi l´hai indirizzata?

E. Tre anni fa, salvo qualcosa in tedesco, non esisteva nessuna pagina Web dedicata a raccogliere le informazioni sulle associazioni di tangueri Italiani. Dopo aver raccolto un po´ d´informazioni qui e la´ è stato naturale mettermele a disposizione per quando viaggio mettendolo sulla pagina TangoItalia. Naturalmente ciò le ha messe a disposizione di tutti i "tango-turisti", quelli che viaggiano per lavoro o piacere e si portano appresso le scarpe per ballare....

E´ risultato che mantenere la pagina soddisfa anche una mia nostalgia latente, perché mi collega con quanto succede nel mio vecchio mondo: una milonga che nasce, una festa che si ripete, una nuova scuola.

Così è nata la mailing list TangoItalia, per comunicare in tempo reale le nuove iniziative, quello che succederà nel nostro piccolo mondo. E´ risultato essere uno strumento utile ad annullare lo spazio: italiani che cercano una orchestra in Argentina, ed argentini che vogliono insegnare n Italia la usano ormai normalmente.

P. Ora TangoItalia è la list ufficiale del Tango Argentino in Italia, ma questo era nelle tue aspettative?

E. Non me lo sarei mai immaginato! Alla fine dei conti cercavo semplicemente di sapere

dove spendere una serata ballando il tango invece che guardando la TV in una camera d´albergo!

TangoItalia ha 150-200 iscritti e l´iscrizione è possibile inviando una email come indicato sul sito Tango-Italia, dove sono elencate tutte le scuole e le associazioni di Tango Argentino italiane, le milonghe, i gruppi musicali che suonano musica per ballare il tango: l´ultimo nome aggiunto da Enrico, su mia indicazione, è stato quello dei Quintettango, un gruppo di cinque professori d´orchestra cuneesi, convertiti alla musica di Astor Piazzolla e altri tanghi ballabili, con arrangiamenti curati da loro stessi e con esibizioni in Piemonte, Lombardia e Veneto.

Tangoit è nata all´incirca nel 1998, ma con un modesto numero di messaggi: tuttora gli iscritti superano appena la decina. Personalmente dopo essermi iscritto, ho inviato un messaggio che almeno a me non è arrivato.

Tangueros è la lista creata da me lo scorso febbraio. Come ho già detto in altra sede, è nata con un peccato originale, avendola io costituita quando non conoscevo ancora TangoItalia: infatti l´indirizzo web è  tango.italia@listbot.com , quindi involontariamente simile alla list di Enrico, che è TangoItalia@lists.best.com. Quando ho scoperto l´omonimia era troppo tardi per cambiare l´indirizzo avendo già una trentina di iscritti.

Ora l´indirizzo è stato modificato proprio per evitare confusione tra le due; il nuovo indirizzo web è http://tanguerosD.listbot.com ( a questo indirizzo è possibile iscriversi) e il nuovo indirizzo e-mail è tanguerosD@listbot.com ( ove potete inviare i vostri messaggi da diffondere agli iscritti).

La list è nata dalla mia voglia di condividere con altri amanti del tango tutte le informazioni e le curiosità che si trovano in giro, ma anche la discussione su argomenti di cultura argentina: l´immigrazione dall´Italia in quel paese, la storia del tango, gli eventi culturali come mostre di pittura o di foto riferiti al tango, libri e videocassette. Il sentimento di nostalgia legato al tango. Continuiamo a discutere sul fatto che in Italia l´associazione dei maestri di ballo abbia organizzato esami, con figure prese da un libro sponsorizzato dalla stessa, e gare di tango. Ho girato il quesito su gare ed esami di tango a TANGO-L, la list nordamericana, ricevendo una dozzina di risposte, di vario tipo, di cui una parte ho tradotto in italiano ed inviate a Tangueros, con ulteriore discussione tra chi è a favore e chi contro queste iniziative: tutto nei limiti di una discussione culturale e comunque rispettosa dell´interlocutore. I miei interventi come moderatore sono stati pochi e comunque "soft". Resta comunque una list non censurata.

Siamo su una media di 70-80 messaggi al mese. A fine maggio siamo quasi 50.

Ad inizio aprile avevo chiesto ai membri della list se fosse il caso di chiuderla e confluire tutti sulla

vera TangoItalia: riporto di seguito alcune delle risposte ricevute.

1) " Non mi sembra …. che sia una buona idea chiudere Italia.Tango e confluire nella lista di Massetti. Senza fare comparazioni sempre soggettive e astiose, a me Italia.Tango piace; ha un ritmo vivace, agile, curioso, e la gestisci con molta professionalità"

2) "Io penso che questa lista sia preziosa...certo, unica cosa il nome induce un po´ in confusione con l´altra, ma...SICURAMENTE devi tenerla in vita!"

3) " Trovo molto interessanti le notizie che leggo sulla list e quindi invito Piero a continuare su questa strada. Sentire parlare di Tango con tanto entusiasmo spinge sicuramente tutti gli appassionati ad andare avanti nell´avventura del Tango, soprattutto i responsabili di associazioni che si danno da fare per diffondere questa cultura in Italia"

Ora interrompo con l´autocelebrazione e ringrazio l´amico Elvio di Tango.it di avermi dato l´opportunità di estrinsecare il mio "edonismo tanguero" J

Piero Leli


Elvio Meneghel
ha pubblicato e mantiene aggiornate le informazioni contenute nella scheda.
invia una e-mail a elvio@tango.it