Tango.it in english language
Tango.it en lengua española
Tango.it en langue française
Tango.it in der deutschen sprache
Tango.it in hungerian language (work in progress)
login password
scarpe di qualità per tango argentino
scarpe di qualità per tango argentino
HomeCHIDOVECOSAQUANDOPERCHÉINFO

Articoli
Poesie
Rubriche
Stampa
Tango.it in english language
Tango.it en lengua española
Tango.it en langue française
Tango.it in der deutschen sprache
Tango.it in hungerian language (work in progress)

 Articolo...

Tango un ballo maschilista

a cura di:Laura Pedrazzini

Sorvolando sulla bruttezza fonetica del termine "maschilista", che conserva anche un sapore un po´ ammuffito da Anni `70 (per fortuna ci sono stati quegli anni e quelle lotte, ben inteso!), vorrei provare a rileggere alla luce di questa fine secolo e nello slancio del prossimo millennio un vecchio ballo di coppia: il Tango Argentino. L´uomo guida e la donna lo segue: detto così sembrerebbe riproporre veteri ruoli e schemi di comportamento, come se il tempo si fosse fermato alla fine dell´800. Se, invece, proviamo ad applicare ragionamenti e metodi da moderni manager aziendali e ci arricchiamo degli aspetti positivi del Pensiero Orientale, si potrebbe parlare del comune obiettivo perseguito dai due ballerini, della diversità dei ruoli dell´uomo e della donna, del rispetto reciproco di tale diversità e, non ricadendo nella lotta degli opposti, riconoscere la complementarità degli opposti. Lo scopo è ballare insieme traendone piacere (altri scopi individuali e/o sessuali non vengono qui presi in considerazione, pur riconoscendone l´esistenza ma la legge sulla privacy mi impedisce di ecc.!!!), è così ovvio che se, però, lo si dimentica ognuno balla da solo, ma l´effetto non è certo quello desiderato. Così si richiede alla donna di sviluppare doti, considerate, a torto o a ragione non sta a me stabilirlo, femminili come il saper aspettare (il segnale dell´uomo), l´attenzione (per ben interpretare tale segnale) e nello stesso tempo, superando il paradosso apparente, farsi rispettare mantenendo il proprio spazio, prendendosi il proprio tempo ed inserendo gli "abbellimenti".
All´uomo occorre la capacità di prendere l´iniziativa nonchè la responsabilità di un´altra persona, che, avendogli dato tale incarico sulla fiducia, si aspetta anche di essere protetta dalle altre coppie di ballo, senza comunque dimenticare di "ascoltare" la propria ballerina, di non metterla in difficoltà ma di proporle movimenti che sia in grado di fare senza ansia.
Più che di tecnica sto parlando di sensibilità e di arte dell´empatia che sono, tutte e tre, necessarie per poter interpretare un brano musicale ballando con reciproca gratificazione: deve sempre essere una cosa piacevole!!!
Ecco ora che abbiamo raggiunto l´armonia e la sintonia fra noi (uomo/donna) e la musica possiamo scoprire ...... quello che più ci intriga: che il Tango è un linguaggio di comunicazione?, che nel Tango non si può mentire e cadono le maschere e le difese psicologiche?, che il Tango fa assaporare l´Armonia dell´Universo, che il Tango è simbolicamente l´incontro di Shiva e Shakti (principio maschile e femminile)? E chi più ne ha più ne metta.
Per me è solo BELLO!!!!


Laura Pedrazzini
ha pubblicato e mantiene aggiornate le informazioni contenute nella scheda.
invia una e-mail a elpi@katamail.com